Ancora negli occhi la luce estiva dei mesi scorsi e già ci si ritrova catapultati nella stagione autunnale, generosa come sempre di colori, frutti, e per ora, anche di belle giornate soleggiate. Non certo quanto ci regalava l’Estate, con le giornate lunghe e talvolta anche calde fino al tramonto e oltre   1   l’erba dei prati essiccata al Sole profuma l’aria sui crinali   2   un reticolo di forme indistricabile   3   mentre altre forme costruiscono forme geometriche diverse ma non meno complesse, la Mycena renatii è una delle più belle da osservare sulle ceppaie   4   mentre sul far della sera le farfalle, in questo caso una bella Argynnis paphia, si adagiano sui fiori selvatici in una danza continua e frenetica   5   cercando di evitare i pericoli tra cespugli ed arbusti, dove ci sono pazienti predatori come nel caso di questa femmina di ragno vespa (Argiope bruennichi)   6   Con l’inizio di Settembre arrivano i primi cambi di massa d’aria e grande dinamicità caratterizza il cielo, in particolare sotto sera   7   luci più radenti e calde si fanno strada giorno dopo giorno   8   le bacche e i frutti maturano rapidamente e quest’anno sono presenti in gran numero sulle piante; le bacche di biancospino ne sono un esempio   9   anche le mele sono in gran spolvero, specialmente quelle piantate dai miei avi nei nostri terreni in aperta campagna, con un gusto particolarmente piacevole, forse anche per i ricordi   10   tante varietà, più o meno precoci nella maturazione   11   un’abbondanza davvero incredibile   12   Alcuni frutti attendono soltanto un pò di freddo notturno per maturare al punto giusto: le pere nobili sono tra questi     le more sono ovunque   14   passeggiare nei sentieri finalmente sgombri da mosche e tafani è un piacere   15   i campi vengono arati prima del lungo riposo invernale   16   dal punto di vista micologico si chiude una stagione molto avara per i miei amati porcini, qualche soddisfazione ad inizio Estate e prima di Ferragosto, per quelli autunnali è stata finora una disfatta. Negli ultimi giorni, tra cerri e castagni si fa qualche incontro sporadico ma c’è solo la “parentela”ad accumunare questi esemplari di leccini ai porcini   17   le mazze di tamburo non mancano mai, anche se sono in numero ridotto   18   un buon motivo per guardare a terra anche in assenza di funghi è rappresentato da loro. Settembre e la prima parte di Ottobre è un periodo in cui risulta relativamente facile incontrare piccoli di vipera. Si crogiolano nelle zone più assolate dove cercano di riscaldarsi durante le ore centrali della giornata. Occorre prestare attenzione in quanto tendono a non scappare e pertanto può capitare di calpestarle inavvertitamente   19   Quando scende la sera, la temperatura scende repentina, l’aria si inumidisce   20   i colori d’Autunno si accendono vivaci in attesa delle lunghe notti invernali che verranno   21 Salva Salva

error: Questo contenuto è protetto