Il titolo del post penso riassuma bene quello che è l’andamento stagionale sull’ Appennino Tosco Emiliano e in particolare al Parco dei Canto Laghi: un’alternanza sorprendente tra giornate uggiose con piogge frequenti ed umidità elevata, e giornate soleggiate secche con temperature assai miti.

Una costante di ogni Settembre, sono invece le aspettative di un crescente numero di fungaioli 🙂

Nella prima metà del mese trovare però occasione per passeggiate “asciutte” si è rivelata impresa ardua….

Abetaia Parco dei Cento Laghi

Nonostante le condizioni meteo non particolarmente favorevoli, devo dire che la presenza di persone alla ricerca di funghi era notevole e costante durante tutto l’arco della giornata da mattina a sera, sopratutto se riferita alla situazione di nascite assai scarse: potere della “Luna di Settembre”, che ha floppato clamorosamente le aspettative di chi sperava in bottini mirabolanti. Fosse così semplice…

Abetaia Parco dei Cento Laghi

Il nostro appennino riesce comunque a regalare scorci suggestivi anche in queste occasioni, con sagome che si ergono fino a raggiungere le nubi. Continui i cambi di luce, la luce del Sole scalfisce soltanto momentaneamente la cortina nebbiosa adagiata sulla foresta

Abetaia Parco dei Cento Laghi

anche il sottobosco intriso d’acqua, non ricorda per nulla i mesi di Settembre di alcune annate in cui perdurava il secco estivo con piogge rare e scarse

Foresta Parco dei Cento Laghi

i vecchi faggi si dissetano e prosperano a bordo torrente

Foresta Parco dei Cento Laghi

fotografare i corsi d’acqua è una cosa che personalmente adoro e nel Parco dei Cento Laghi non mancano di certo. Il loro fascino rimane intatto in ogni stagione e in ogni condizione climatica

Foresta Parco dei Cento Laghi

foto suggestive, vero, ma prestando sempre attenzione alle rocce estremamente scivolose, dove il rischio di apprezzare dal vivo la temperatura dell’acqua è più che concreto 🙂

Le rocce del Parco offrono infatti un “grip” formidabile da asciutte, ma cosa ben diversa in caso da bagnate, quando raggiungono livelli di scivolosità assoluta….

Foresta Parco dei Cento Laghi

dopo tanta pioggia, aspettavo di scorgere finalmente un raggio di Sole per godermi una bella passeggiata, magari anche incontrando qualche simpatico “abitante” del sottobosco. Sapevo non sarebbero stati pochi, in ogni caso mi sarei goduto la passegiata ugualmente 🙂

Foresta Parco dei Cento Laghi

Detto fatto: una fugace apertura nel bigiume generale si è verificata nello scorso weekend (evento al limite dell’impossibile), non che fosse una giornata splendida, ma meglio delle solite docce 🙂

Pochissimi boleti nei boschi, e gente in netto calo rispetto alle settimane precedenti, la calma regna sovrana e  qualche bell’incontro baciato dal Sole c’è stato

IMG_8853_WEB1200

io, da pomeridiano avrò probabilmente anche il favore dell’orario, quando la godibilità del bosco è di certo maggiore rispetto a quella sperimentata dagli “sprinter” mattutini. Anche il Sole è più caldo, e crogiolarsi è veramente piacevole 🙂

IMG_8851_WEB1200

Sui prati d’altura il vento imperversa e il sentiero verso la stagione autunnale pare decisamente intrapreso

IMG_8828_web1200

il bosco di faggio si sta leggermente colorando in vista di Ottobre, e i “fungacci”, a differenza dei porcini, lo invadono completamente

IMG_8783_WEB1200

colonie di Hypholoma sublateritium degradano le ceppaie anno dopo anno

IMG_8775_web1200

qualche raro e vecchio saggio ha trovato riparo dalla pioggia dei giorni precedenti sotto un ombrello naturale

IMG_8749_WEB1200

nubi e schiarite si avvicendano con un dinamismo frenetico, in cui il vento è protagonista assoluto

IMG_8809_web1200

luci ed ombre del cielo si rispecchiano sui colori delle chiome sottostanti

IMG_8805_web1200

anche da sotto i colori mutano continuamente, e risuona forte lo stormire delle fronde: la magia del sottobosco incanta lo sguardo

IMG_8782_web1200

il forte vento di libeccio condensa sui crinali, e scorre via veloce sui prati

IMG_8819_web1200

A dispetto della stagione autunnale entrante e ai 1300mt. di quota, c’è chi approfitta dei luoghi più riparati per riscaldarsi prima del freddo.

I luoghi più pericolosi e a cui prestare maggiore attenzione durante le mezze stagioni, sono quelli riparati dal vento nelle radure sopratutto esposte a sud, se poi ci sono rocce, la probabilità di un incontro aumenta considerevolmente.

Già come scrissi lo scorso Maggio, quest’anno sarebbe stato particolarmente affollato di rettili nei boschi, ed infatti – almeno nel mio caso – lo è stato.

Infatti, sia in Primavera che in Autunno, causa le temperature non molto elevate, i rettili sono abbastanza intorpiditi e diffcilmente fuggono se incontrati: preferiscono piuttosto affidarsi al mimetismo, aumentando di molto la possibilità di calpestarli e conseguentemente di venire morsi. Anche in questo caso, questa vipera non si è mossa di una virgola nonostante gli abbia girato molto attorno. E’ da notare la tipica postura a “S” della testa, pronta a sferrare un attacco in caso di necessità

IMG_8753_WEB1200

lasciamo i prati dando uno sguardo alle bacche di rosa canina, già colorate del loro tipico rosso vivo, in attesa delle prime gelate per maturare definitivamente

IMG_8848_web1200

Siamo giunti al crocevia temporale che inverte la stagione estiva.

La direzione punta verso l’autunno inoltrato, quando i colori dell’appennino esploderanno nel loro pieno, e le temperature si faranno sempre più frizzanti quanto più le ombre si allungheranno, lasciandoci alle spalle una stagione estiva mai iniziata….

IMG_8838_web1200

Pin It on Pinterest

Share This